Simply Itsme

“E’ la tecnologia che si deve adattare a noi, non noi alla tecnologia”. Un concetto  apparentemente banale, ma solo in apparenza, quello emerso ieri durante la lectio magistralis del prof. Giorgio De Michelis e di Luca De Biase che si è tenuta a Mirano (VE) in occasione del Festival della Formazione.

Uno dei limiti della concezione odierna della tecnologia è il concetto di “utilizzo”. Ciascun strumento è concepito per una determinata funzione: devo scrivere un articolo, utilizzo word; devo fare di conto, utilizzo excel; devo preparare una presentazione, via di PPT. Ma cosa succede se devo gestire un “evento della vita” che richiede l’utilizzo di più strumenti? E cosa succede se ho più eventi da gestire contemporaneamente? Il risultato è che mi perdo in una miriade di applicativi indipendenti e produco una serie di informazioni e dati che, alla lunga, diventano dispersivi e la cui gestione ed il cui reperimento richiedono ingenti risorse cognitive e temporali, talvolta maggiori di quanto richiede l’evento stesso.

itsme logo

Ecco che arriva il progetto ITSME, coordinato proprio dal prof. De Michelis. Come si legge nel sito dedicato al progetto:

Everything users do is in the context of the different stories they live with other people (sometimes, alone). Any of these stories is populated with all the items (objects of different types, people’s addresses, relevant URL’s, exchanged messages) created or imported during their experience and users need to have this information readily available, in the venues within which they are acting or interacting.

Itsme è un sistema di nuova concezione basato su un concetto base: gestire gli eventi della vita di una persona attraverso luoghi in cui essi si svolgono. A sua volta ciascun luogo è descrivibile da sott-luoghi o oggetti. Un luogo è composto da azioni (mandare o rispondere ad una email, documenti, ecc.). Itsme consente, quindi, di gestire gli eventi / le storie della vita sulla base dell’esperienza dell’utente, diventando completamente personalizzabile.

La prima release è prevista entro il 2010. Già oggi è disponibile un emulatore on-line.

Annunci

Non accettare caramelle (digitali) dagli sconosciuti

Per la privacy, mi pongo come avvocato diffensore di Zuk.

Non sto parlando della cessione dei dati personali a terze parti – giustissima e da regolare – ma della gestione della “privacy” verso gli “amici” in rete. Che più di questione di privacy è una questione di netiquette, termine ormai passato nel dimenticatoio.

Mi pare di percepire – forse mi sbaglio – che la principale preoccupazione degli utenti di facebook sia non far vedere certe cose ad alcuni, ed altre ad altri (perdonate il gioco di parole).

Personalmente: se non voglio che qualcuno legga quello che posto, non accetto il contatto, non lo aggiungo tra gli amici. Se lo accetto – per tutti i motivi che posso avere – non vedo perchè debba nascodergli alcune cose. Per carità, poi ciascuno è liberissimo di farlo. Personalmente lo trovo un atteggiamento ipocrita e un tantino opportunista.

FB, come tutti i network, andrebbero gestiti come la vita reale: daresti a chiunque il tuo numero di cell.? Racconteresti a tutti i tuoi fatti personali? Accetteresti caramelle dagli sconosciuti?

Post-digitale: welcome to the real world

Ho condiviso ieri su Amplify questo articolo interessante di ADAge relativo all’era del Post-Digitale. In sintesi quanto si sostiene è che, al di là dei grandi investimenti fatti sulle piattaforme digitali, in realtà i marketer attuano campagne che di digitale hanno ben poco – vi rimando all’articolo per gli approfondimenti e gli esempi.

Iniziai a parlare di post-digitale qualche anno fa. Si basa su un concetto molto semplice: non esiste più una distinzione e un confine netto tra ciò che è rete e ciò che è mondo reale. Le due sfere si mescolano e creano un’unica esperienza. Non si tratta nemmeno di realtà aumentata. La realtà aumentata parte dal presupposto che esiste il mondo reale e un insieme di “protesi” che estendono la conoscenza.

Il Post-Digitale, invece, vede nel web uno degli aspetti della vita: come ci sono gli aperitivi, il lavoro, l’ufficio, gli amici, la casa, così esiste un altro ambiente chiamato web che frequentiamo al pari di altri ambienti e, al pari di altre situazioni, il web può influenzare ciò che è “fuori” da esso.

E’ chiaro, quindi, che si innesca un flusso continuo in cui il centro non è il mondo reale né quello virtuale. Il centro è l’IO che si muove in diversi ambienti. Il Post Digitale in questo senso richiama il concetto di neo-umanesimo e della riscoperta dell’individuo come centro e motore delle proprie azioni.

Non è una mera disquisizione filosofica. Ha grossi impatti nel quotidiano. Li vedremo più avanti.

Anche io sono in piazza…

Mi sono iscritto a Foursquare un mese fa circa , ma onestamente non ho ancora avuto modo di provarlo bene. Queste sono solo prime impressioni.

Per il poco che ho visto è un’ottima applicazione, utile specialmente per gli “speed date” in senso lato.  Ma potrebbe essere un ottimo canale per iniziative di social geomaketing.

If you own a bar or restaurant, foursquare can help you find new ways to connect with your customers. If you’re a developer, check out the foursquare API.

Mi riservo a tempi successivi  ulteriori valutazioni di utilizzo e  sulla  potenziale diffusione  in Italia. Ma la domanda sorge spontanea: al di là di qualche geek come il sottoscritto, qualche nativo digitale e maniaci che devono provare qualsiasi applicazione, quanti saranno disposti a “tracciare” i loro spostamenti?

Altro aspetto.  l’applicazione ha un senso con uno smartphone. La versione mobile lascia un po’ a desiderare. IMHO.